“Leonardo e la pittura”: la nuova entusiasmante mostra a Vinci

Share Button

 

“Leonardo e la pittura”: la nuova entusiasmante mostra a Vinci

Tutti i dipinti del Genio in digitale alla villa del Ferrale. Inaugurazione il 12 giugno

A metà strada tra Vinci e Anchiano, ospitata all’interno della storica Villa del Ferrale, la nuova sezione espositiva del Museo Leonardiano riunisce in un’unica sede le riproduzioni di tutti i dipinti e di alcuni tra i più significativi disegni realizzati da Leonardo da Vinci.

 

Dalla raffigurazione della Vergine delle Rocce all’emblematica Dama con l’ermellino, dalla celeberrima Monna Lisa al monumentale Cenacolo, il percorso consente di apprezzare 21 copie delle opere di Leonardo, realizzate ad altissima definizione e a grandezza naturale, grazie ad una innovativa tecnologia di acquisizione e riproduzione delle immagini che le rende identiche ai capolavori originali, oggi conservati in musei e collezioni anche molto distanti tra loro.

 

In questa affascinante visione d’insieme del percorso pittorico del Vinciano, le riproduzioni delle opere si alternano ad installazioni didattiche e video esplicativi che propongono interessanti spunti di approfondimento, anche su tematiche affrontate da Leonardo in relazione alla pittura, come lo studio della prospettiva nonché delle luci e delle ombre. Partendo dall’innegabile suggestione evocativa delle immagini, alle informazioni tecniche sui dipinti sono stati infine affiancati brevi testi di carattere narrativo, al fine di suscitare negli osservatori nuovi stimolanti punti di vista, invitando così ad una rilettura personale delle opere stesse. La mostra è a cura del Settore 5 – Attività culturali del Comune di Vinci e l’allestimento realizzato da Opera  Laboratori  Fiorentini – S.p.A. Gruppo Civita.

 

“Un’esposizione assolutamente innovativa – ha affermato soddisfatto l’assessore alla cultura del comune di Vinci Paolo Santini – che viene finalmente ad arricchire in maniera completa l’offerta museale a Vinci. La collezione – segnaliamo la monumentale riproduzione del Cenacolo vinciano, con oltre 40 metri quadrati di pittura – è il frutto di un lavoro fatto da professionisti di assoluto valore in collaborazione con il Museo Leonardiano, che ha curato l’allestimento e le didascalie descrittive. L’acquisto da parte del Comune di Vinci della collezione di queste 21 opere fa parte di un programma importante di investimenti che mirano a rafforzare la gamma dell’offerta culturale e museale vinciana, anche in vista del significativo anniversario del quinto centenario della morte del Genio che cadrà nel 2019. La novità stavolta è che l’esposizione rimarrà di proprietà del Comune di Vinci, che potrà pensare in futuro ad ampliarla con ulteriori acquisizioni e magari ad allargarla anche ad altre collocazioni. Con l’acquisizione delle immagini in altissima definizione – ha proseguito Santini – dagli istituti culturali che le conservano, dalle Gallerie degli Uffizi al Louvre, alla National Gallery di Londra e tante altre, sono stati acquisiti anche i dettagli meno visibili ma determinanti, con un pregevole lavoro di acquisizione sulle scale cromatiche direttamente sulle opere originali assolutamente straordinario, che ha permesso di riprodurre le immagini con una perfezione assoluta anche dal punto di vista della resa dell’autenticità del colore. Si amplia notevolmente in questo modo – ha concluso Santini – il percorso di visita alla scoperta di Leonardo a Vinci, con una mostra permanente ospitata in una location suggestiva di grande importanza storica, la villa del Ferrale, ubicata proprio lungo la strada che da Vinci conduce alla casa natale di Leonardo ad Anchiano e a due passi dalla strada verde”.

 

La tecnologia delle riproduzioni ad altissima risoluzione

Le riproduzioni presentate in questa sezione “Leonardo e la Pittura” sono realizzate da Haltadefinizione®, facente parte del gruppo Franco Cosimo Panini Editore, specializzata nell’acquisizione fotografica ad altissima definizione (gigapixel) e nella realizzazione di riproduzioni di opere d’arte: copie perfette in ogni dettaglio, dalla resa cromatica agli ori e fino, in alcuni casi, alla tridimensionalità delle singole pennellate. Haltadefinizione® vanta una consolidata esperienza nel settore dei Beni Culturali ed è oggi punto di riferimento per Soprintendenze, Musei ed Istituzioni.

 

Share Button